SIMEST. Finanziamento a fondo perduto e finanziamento a tasso agevolato per l’inserimento in nuovi mercati esteri

Descrizione completa del bando

 La finalità del bando è quella di agevolare il lancio e la diffusione di nuovi prodotti e servizi ovvero l’acquisizione di nuovi mercati per prodotti e servizi già esistenti, attraverso l’utilizzo di strutture permanenti

 

Soggetti beneficiari

A tutte le imprese con sede legale in Italia (anche costituite in forma di “Rete Soggetto”) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci depositati, relativi a due esercizi completi.

Sono in ogni caso escluse le Società classificate con i seguenti codici ATECO 2007:

  • SEZIONE A – Agricoltura, Silvicoltura e Pesca;
  • SEZIONE C – Attività manifatturiere di cui alle classi 10.11 e 10.12

 

Tipologia di interventi ammissibili

Realizzazione di stabili strutture quali ufficio, show room, negozio, corner o centro di assistenza post vendita, magazzini (questi ultimi due anche in Italia), in paesi UE ed Extra UE.

Il programma di internazionalizzazione deve riguardare beni/servizi prodotti in Italia o comunque distribuiti con il marchio di imprese italiane.

Il programma può essere realizzato con le seguenti alternative modalità:

  • gestione diretta (avvio filiale)
  • partecipata locale (newco locale, interamente o parzialmente controllata)
  • trader locale (contratto di collaborazione con un distributore locale non partecipato per la messa a disposizione almeno dei locali e del personale)

Ogni singola domanda deve riguardare un solo programma di inserimento da realizzarsi in un solo Paese di destinazione e due Paesi target per lo sviluppo nella stessa area geografica; in caso di più programmi di inserimento e/o più Paesi di destinazione, è tuttavia possibile presentare più domande. Non sono finanziabili in Italia le strutture oggetto di precedentemente finanziamento.

Sono finanziabili le spese sostenute per:

  • CLASSE 131 – funzionamento della struttura (locali, allestimento, personale ecc.)
  • CLASSE 2 – attività promozionali (formazione, consulenze, altre spese promozionali)
  • CLASSE 3 – quota forfettaria di massimo 20% delle spese delle Classi 1 e 2, sostenute e rendicontate

In caso invece di impresa già presente nel paese di destinazione, sono ammesse le seguenti spese:

  • di personale aggiuntivo;
  • di locazione/acquisto e di personale aggiuntivo riguardanti una nuova struttura in aggiunta a quella già esistente, ma di diversa tipologia, oppure una nuova struttura in sostituzione di quella già esistente, della stessa tipologia
  • i costi di allestimento e gestione delle strutture, i viaggi del personale operante in via esclusiva all’estero e le spese promozionali

Tutte le spese devono essere sostenute dalla data di arrivo della domanda a Simest ed entro i 24 mesi successivi alla stipula del contratto di finanziamento.

 

Entità e forma dell’agevolazione

Contributo a fondo perduto (max € 100.000) fino al 50% dell’ammontare dell’investimento combinato a un finanziamento agevolato pari alla restante parte – per un importo non superiore al 25% dei ricavi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del richiedente – con tasso di interesse pari al 10% del tasso di riferimento UE32.

Rispetto ai limiti previsti da bando:

  • minimo importo finanziabile: 50.000 €
  • massimo importo finanziabile: 4.000.000 €.

La durata complessiva è di 6 anni di cui 2 di preammortamento (per soli interessi) e 4 di rimborso del capitale.
A tutti i richiedenti è fatta salva la possibilità fino al 30 Giugno 2021, di accedere al finanziamento senza necessità di presentare garanzie.

 

Scadenza

Le domande possono essere inviate a partire dal 3 giugno 2021.

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.