Bando Tech Fast. Contributi per l’innovazione delle Pmi

La Regione Lombardia ha stanziato ben 19 milioni di euro sul nuovo bando Tech Fast per finanziare la realizzazione di progetti di sviluppo sperimentale e di innovazione di processo a favore delle piccole e medie imprese con sede in Lombardia.

 

Investimenti ammissibili

La misura si propone di sostenere progetti  riguardanti lo sviluppo di prototipi, di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati, nonché  l’innovazione di processo, comprese le attività di trasformazione digitale quali advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data.

Sono ammissibili i progetti di:

  • sviluppo sperimentale e di innovazione di processo (nell’ambito dei quali possono essere ricomprese anche attività di trasformazione digitale, come ad esempio Cybsersecurity, Cloud, Big Data, Manifattura Additiva.)
  • solo sviluppo sperimentale
  • I progetti devono presentare le seguenti caratteristiche:
  • riguardare le aree di specializzazione intelligente (S3) di Regione Lombardia
  • da realizzarsi nell’ambito di sede operativa sul territorio lombardo
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda

Rientrano fra le spese ammesse:

Sono ammissibili i costi per:

  • personale coinvolto nel progetto
  • strumentazioni e attrezzature utilizzati per il progetto
  • ricerca contrattuale, conoscenze e i brevetti acquisiti in licenza e servizi di consulenza e servizi equivalenti usati ai fini del progetto
  • altri costi di esercizio, compresi i costi di materiali e forniture direttamente imputabili al progetto
  • spese generali supplementari calcolate con tasso forfettario pari al 15% delle spese del personale.

L’investimento minimo è fissato in € 80 mila.

Agevolazione

Il contributo a fondo perduto erogato è pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo viene erogato in un massimo di due tranche:

  • anticipo (fino ad un massimo del 40% subordinatamente al rilascio di idonea garanzia fideiussoria di pari importo);
  • saldo.

La procedura valutativa avverrà a sportello e il contributo non sarà cumulabile, per le medesime spese, con altre agevolazioni concesse e qualificabili come aiuti di stato, ivi incluse quelle concesse a titolo di “De minimis”.

Ai fini dell’ammissibilità alle agevolazioni, i progetti dovranno:

  • essere realizzati nell’ambito di sede operativa ubicata sul territorio lombardo;
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di partecipazione e dovranno essere realizzati entro 12 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione dell’agevolazione e comunque entro e non oltre il 31/05/2023, termine ultimo per la presentazione della rendicontazione.

Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili fino a un massimo di 250 mila euro.

 

Tempistiche

Lo sportello del  bando Tech Fast per la presentazione delle domande è in fase di apertura.

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.